Steve Hackett – At The Edge Of Light

Se il rock progressive sembra stia conoscendo una nuova età, alcuni dei musicisti che hanno da sempre calcato quelle scene sembrano invece dimostrare che per realizzare degli ottimi lavori l’età non serve. E’ quanto sta accadendo ad un certo Steve Hackett che sembra non abbia mai perso, finora, la voglia di realizzare musica anche se a volte questa appare non proprio all’altezza del personaggio musicale che Hackett rappresenta.

continua a leggere

The Cure – Pornography

In una delle nostre precedenti recensioni sui The Cure avevamo parlato di una sorta di sconforto che lentamente coinvolgeva, per problemi strettamente personali, ogni elemento delle band inglese. Questa sorta di flagello personale, dopo la pubblicazione di Faith aveva condotto i The Cure a pensare alla realizzazione di un lavoro

continua a leggere

Home Invasion: In Concert At The Royal Albert Hall (2018)

Questa nuova produzione del grande fondatore del Porcupine Tree contiene la registrazione sia audio che video del terzo ed ultimo concerto che Steven Wilson ha tenuto nel mese di marzo dello scorso anno presso la Royal Albert Hall di Londra. Tutto il materiale qui raccolto non può mancare a chi è amante della musica rock in genere ed in particolare del progressive più creativo.

continua a leggere

Reverendo Beat Man – 2018 – Blues Trash

Reverendo Beat Man è un’artista che sforna album come una macchina, un musicista che è sempre disposto a cimentarsi in una marea di stili e contrappunti purchè tutto corrisponda ad un suono che altro non è che rock. La sua vena artistica è fatta di contaminazioni, di stili che hanno alla base quel blues vecchio stampo che ha forgiato centinaia di artisti e nei quali ci possiamo inserire a pieno titolo il Reverendo.

continua a leggere

Aerostation – 2018 – Aerostation

Cosa accade quando gente come Gigi Cavalli ed Alex Carpani si uniscono per dare vita ad uno dei dischi rock che colpiscono per il gusto di sonorità indimenticate come quelle che hanno caratterizzato un’epoca (o forse più di un’epoca)? La risposta è tutta nel dna di questi musicisti che hanno alle spalle esperienze maturate con Ligabue, Clan Destino, C.S.I., Massimo Zamboni, David Jackson, David Cross, Aldo Tagliapietra, Bernardo Lanzetti e che insieme

continua a leggere

Crayola Lectern – Happy Endings

Chris Anderson, in arte Crayola Lectern, chiude il 2018 con una produzione che lascia senza fiato per la dolcezza delle liriche. E sembra proprio che la bellezza di questo lavoro sia poi il risultato di una follia compositiva che, se in Cage ha un esempio qui si completa riflettendosi in quella follia di un Erasmo da Rotterdam che si presenta a noi attraverso la bellezza compositiva di Happy Endings.

continua a leggere

Sdang e Il Paese Dei Camini Spenti

Secondo il motto “raccontiamo storie senza parlare”, il duo lascia largo spazio all’immaginazione dell’ascoltatore affidando ai titoli dei brani l’ancora delle suggestioni, motivo per immergersi completamente nelle vie di questo misterioso paese per un vagabondaggio di circa 35 minuti che inizia con delle gocce di pioggia per poi…

continua a leggere

Blessed Child Opera: Complications – Love Song

Due cd che non lasciano scampo, due records che ci portano tanta di quella buona musica che ricordano a volte sia le sonorità dei Warlocks che quelle dei Velvet Underground del primo periodo, quelli che forse abbiamo più amato. I Blessed Child Opera sono un progetto che si evolve continuamente, si rinnova, si trasforma e tende ad identificarsi come uno dei migliori risultati del partenopeo Paolo Messere cantautore, chitarrista e produttore tra i più

continua a leggere