Museo Rosenbach – Zarathustra

Quello di cui vi parleremo è un vero gioiello della musica progressiva italiana degli anni settanta. Nonostante l’età, Zarathustra, del Museo Rosenbach, resta uno dei migliori dischi sia per l’originalità ch pere la creatività di cui è intriso, un disco che pur vicino alla musica rock non dimentica gli stili di un classicismo di prim’ordine.

continua a leggere

The Cure – Disintegration

In attesa di vederli all’opera in Italia all’interno di Firenze Rocks e di conoscere qualcosa in più del loro, probabile ed imminente, ritorno discografico, ci rimmergiamo nella loro discografia analizzando un album tra i migliori dei The Cure che tra l’altro, quest’anno, compie ben trent’anni: Disintegration.

continua a leggere

London Underground – Four

La Londra che amo, la Londra metropolitana, quella delle tante razze, la Londra dove i veri londinesi sono davvero rari a trovarsi è probabilmente, grazie ai miei soventi viaggi, quella che conosco di più, ma la Londra che adoro, quella che offre tante opportunità di incontri è quella sotterranea, quella composta dalle subway che si intrecciano in colori diversi tra graffiti, murales, i colori delle linee del metrò e qualche gentleman.

continua a leggere

Crayola Lectern – Happy Endings

Chris Anderson, in arte Crayola Lectern, chiude il 2018 con una produzione che lascia senza fiato per la dolcezza delle liriche. E sembra proprio che la bellezza di questo lavoro sia poi il risultato di una follia compositiva che, se in Cage ha un esempio qui si completa riflettendosi in quella follia di un Erasmo da Rotterdam che si presenta a noi attraverso la bellezza compositiva di Happy Endings.

continua a leggere

Jameson Street Sounds 2018

Ma la musica da strada è o no un palcoscenico? Direi di si anche se, la strada, per molti è anche quella che hanno cantato, in modi differenti, Woody Guthrie, Bob Dylan, Lou Reed e tanti altri cantori e scrittori come Kerouac ed oggi è anche una delle produzioni più interessanti che ci siano capitate tra le mani, anche per distrarci un po’ dalle note rock cui siamo abituati.

continua a leggere

Blessed Child Opera: Complications – Love Song

Due cd che non lasciano scampo, due records che ci portano tanta di quella buona musica che ricordano a volte sia le sonorità dei Warlocks che quelle dei Velvet Underground del primo periodo, quelli che forse abbiamo più amato. I Blessed Child Opera sono un progetto che si evolve continuamente, si rinnova, si trasforma e tende ad identificarsi come uno dei migliori risultati del partenopeo Paolo Messere cantautore, chitarrista e produttore tra i più

continua a leggere

A Ovest Di Tahiti – Luci Della Città

Quando mi è giunto il cd mi è sembrato di conoscere già questa band pugliese della quale c’è, sinceramente, da andare orgogliosi. Inoltre gli A Ovest Di Tahiti mi ricordano in particolare bei momenti che ho condiviso insieme a Niccolò Fabi quando, nell’orami lontano ottobre 2004, fu mio gradito ospite insieme a Giancarlo Susanna, che ricordo con affetto,

continua a leggere